domenica 23 maggio 2010

'A mmidia



«Si 'a mmidia dassi frevi e tussi
tuttu 'u munnu malatu fussi! »
Chista è 'a storia d’un omu mmidiusu,
ca era currivusu e birbanti di carusu.


Un jornu appi 'na furtuna spacciata:
zappannu, truvà 'na lanterna fatata;
appena la piglià e ji pi la stricari,
un spiritu si vitti, subitu, spuntari.

«Esprimi un desideriu e t’accuntentu,
prima di parlari, però sta' attentu:
chiddru ca pi tia addumanni a mia,
'u duppiu, po’dugnu o vicinu 'i tia.»

Certu, avissi vultu addummannari
oru, putiri, ricchizzi e tanti dinari;
pinzannu ca 'u vicinu arradduppiava,
mutu e pinzirusu si nni stava.

«Allura, qual è 'u to disideriu?»
E 'u mmidiusu ci dissi seriu, seriu:
«Un occhiu vogliu aviri scippatu,
e 'u me vicinu... tunnu annurbatu!»
( Pino Bullara)
L'invidia

2 commenti:

antonietta ha detto...

ciao
bella poesia, ma molto dura...

Pino ha detto...

Sì, Antonietta hai ragione... mais c'est la vie!
Desiderare una macchina, una casa, ... "come"
o anche migliore del nostro vicino, è una cosa legittima;
la sana emulazione è un fatto positivo.
L'INVIDIA , invece è proprio quello che descrivo io nella
mia poesia. Purtroppo c'è gente che preferisce farsi del male
pur di arrecare un male maggiore al proprio "amico-NEMICO".
Un cordiale saluto
Pino