martedì 27 aprile 2010

I scaluna da vita




'I scaluna da vita


Diciva 'na vota 'na vecchia canzuna,
ca 'u munnu è fattu tuttu a scaluna.
C'è cu scinni, cu acchiana, cu vola,
cu ci sciddrica 'u pedi e s'arrizzola.

Puru 'a storia è fatta tutta a scaluna
pi poviri, pi re, pi principi e baruna.
Veni 'a guerra e 'ntempu d'un nenti,
c'è cu si fa riccu e cu si fa pizzenti.

Napuliuni era un surdatu di paisi
e addivintà 'mperaturi di Francisi;
cangià 'u ventu e 'un fu cchiú nenti:
finì Napuliuni cu tutti 'i so parenti.

Garibardi comu prusicutu era circatu,
'a liggi fatta du re l'avia cunnannatu;
scippa 'i du Sicilii o "re Lasagna",
a nomina d'eroi e senaturi si guadagna.

Bittinu prisidenti avia arrinisciutu,
po' si nni scappà comu prusicutu.
Rumanu firrìa tuttu comu 'na rota:
ora sta 'ncapu, sutta n'antra vota.

Canusciu a unu ca nun era nenti
e di tutti i cosi addivintà prisidenti.
Essennu di tanti 'mbrogli accusatu,
si fici 'a liggi pi nun essiri giudicatu.

Prima o po', tutt'i cosi am'a lassari
e cu è ca veni, m'hav'a giudicari.
'U tempu è giustu, di tutti havi rispettu:
«Curri quantu vo', dici, ca i' t'aspettu!»

(Pino Bullara)

I gradini della vita

2 commenti:

Antonella-Vera55 ha detto...

Sono rimasta abbagliata dalla tua terra,dalla sua arte,dalle bellezze naturali e dalla sua lingua!grazie per la bellissima poesia.Sono una collega toscana innamorata della Sicilia

Pino ha detto...

...ed io innamorato della Toscana!

L'Italia è bella tutta ... ma la Toscana ha sempre esercitato, in me, un fascino particolare, per le sue bellezze naturali, artistiche, culturali, per aver dato i natali a geni dell'umanità; in particolare, poi, io ho quasi una venerazione per Leonardo, a cui ho dedicato questi versi.

Grazie Antonella.

Grazie per aver visitato il mio Blog e per la dolcezza del tuo messaggio.