lunedì 28 febbraio 2011

Surcivecchi (pipistrelli)

                                        
Di surcivecchi vi vogliu cuntari,
ca sulu di notti si vidinu vulari.
‘Na vota c’era ‘a paci ni la terra,
po’ tra surci e anceddri (1) ci fu guerra.

Li surcivecchi vinniru chiamati:
sapiri comu avianu a essiri cullucati.
«Veru ca semu vecchi, ma videmu,
ca surci comu a vantri, nantri semu!»

Po' a l'anceddri arrispunneru di 'sta manera:
«Avemu l'ali e avemu a stessa bannera!»
Quannu eranu l'anceddri ca vincivanu,
‘i surcivecchi cu chisti si nni ivanu;

quannu eranu ‘i surci c’avianu furtuna,
‘i surcivecchi cangiavanu cumpagnuna.
‘Stu jocu, però, a longu nun putìa durari,
e surci e anceddri si nni eru addunari;

misiru di latu, allura, li so battibecchi
e ficiru ’a guerra, tutti du’, e surcivecchi.
Picchì li surcivecchi volanu di notti?
-Ca surci e anceddri ci vonnu dari botti!



(Pino Bullara)

  (1) Uccelli

2 commenti:

antonietta ha detto...

quanti botti darei a quelli lassù a Roma...

Pino ha detto...

Un saccu di botti!
Avendo un patto di alleanza con la Libia,
tra le altre cose,
NOI ci impegniamo, anche a un patto di non belligeranza; quindi se la Nato, la UE dovessero decidere di intervenire MILITARMENTE, per evitare un genocidio,
noi NON lo potremmo fare… oppure continuare a passare alla storia come
PIPISTRELLI.